LE MARCHE: ASCOLI PICENO

Non è un segreto che mi piacciono i posti meno conosciuti e meno frequentati e la regione Marche rientra tra questi. È in queste zone che si può avere un’esperienza autentica.

Recentemente, sono stata invitata a conoscere meglio la provincia di Ascoli Piceno nelle Marche e il suo cibo e vino. Oggi parlerò un po’ della città e dei posti da visitare.

Ascoli Piceno è la provincia più a sud nelle Marche.

 

Perché visitare Ascoli Piceno?

Oltre che cibo e vino (che ovviamente stanno sempre ai primi posti della mia lista di motivi per visitare un posto), Ascoli Piceno ha:

  • paesi medievali
  • rovine Romane
  • molte chiese storiche
  • fascino e genuinità
  • una perfetta combinazione di montagne verdi, piccoli paesi, spiagge sabbiose e coste rocciose
  • due parchi naturali, il Parco Nazionale dei Monti Sibillini e il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
  • artigiani locali; oreficeria, pelle, terracotta, maiolica, merletto
  • molti pochi turisti. E non è costosa paragonata ad altre aree famose dell’Italia
  • comoda per raggiungere l’Umbria e Roma, a circa 2 ore di distanza ciascuna. E l’Abruzzo è anche più vicino.

 

Cose da fare

La stessa città di Ascoli Piceno ha sia una città nuova che una città vecchia. Nella città vecchia, vedrete tantissimo marmo travertino, facciate antiche, rovine e piccoli labirinti di strade. Una volta aveva circa 200 torri, ma oggi se ne possono vedere solo 50.

  • Passate del tempo a Piazza del Popolo, l’antica piazza del mercato e una delle più belle in Italia.
  • Visitate il Duomo a Piazza Arringodel 15esimo secondo e la Cripta di San Emidio, che ha dei meravigliosi mosaici.
  • La Pinacoteca, la seconda galleria d’arte più grande nelle Marche, ospitata nel Palazzo Comunale del 17esimo secolo, merita una visita.
  • Visitate qualsiasi delle oltre 14 chiese. La Chiesa di San Pietro Martire, una chiesa gotica del 14esimo secolo, si pensa ospiti una spina della corona di Cristo.
  • Se vi piacciono le rovine, assicuratevi di vedere la Porta Gemina, un’antica porta gemella Romana, Porta Tufilla, una porta torre e il Ponte Tufilo.
  • Rilassatevi al Giardino Botanico.
  • Prendete una pausa sotto gli antichi portici allo storico Caffè Meletti, fondato nel 1907, dove una volta si sono seduti grandi letterati come Hemingway.

Fate acquisti al mensile Mercatino dell’Antiquariato, che si tiene nel fine settimana della terza domenica del mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *